Diario di bordo Study Trip in Portogallo

«Il tempo che viviamo ci obbliga ad un nuovo stile di vita in cui il rapporto uomo-ambiente si basa sull’equilibrio tra ecologia e qualità della vita, dove l’innovazione dei processi produttivi deve essere orientata alla sostenibilità e all’equità sociale durature . Insomma, questo viaggio studio in Portogallo rappresenta un importante scambio di esperienze e una preziosa occasione per promuovere le buone pratiche apprese anche nel nostro territorio.»

Presidente del GAL Campidano Stefano Musanti

 

Il GAL Campidano ha partecipato al seminario internazionale dedicato all’economia circolare e alle buone pratiche green organizzato dal GAL Partner GAL “AD ELO – Associacao de Desenvolvimento Local da Bairrada e Mondego” che si è svolto in Portogallo nel distretto di Coimbra, dall’8 all’11 Novembre 2021. L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto di cooperazione transnazionale Global Eco – InnoEco, Eco-innovazione per il circuito produttivo agroalimentare: verso un’economia circolare sostenibile nel Campidano, di cui il GAL Campidano è partner. Il progetto ha l’obiettivo di costruire una rete europea improntata sull’eco-innovazione e sulla green economy, attraverso lo scambio di conoscenze e buone pratiche a livello internazionale.

Durante la visita studio in Portogallo, il GAL Campidano ha avuto l’occasione di visitare diverse aziende agricole, di trasformazione e di commercializzazione ma tutte improntate al recupero, al riuso, al riciclo e alla sostenibilità dei processi produttivi e di vendita secondo paradigmi propri dell’economia circolare (dalla razionalizzazione dell’acqua in agricoltura, all’impiego di energie da fonti rinnovabili, dal recupero alla gestione dei rifiuti, etc). Il territorio di AD ELO è situato in una vasta regione, tra la costa atlantica, le pianure del fiume Mondego, i paesaggi dei vigneti, Bairrada e alcune zone più montuose, e comprende sei comuni.

 

DIARIO DI BORDO

Giorno 1 _ 9. 11.2021

MIRA (Distretto di Coimbra) 

La prima tappa del viaggio studio in Portogallo si è svolta a Mira, un piccolo borgo nel Distretto di Coimbra, in cui si ha avuto il piacere di visitare due aziende che rappresentano un modello di economia circolare per eccellenza. La prima visita si è svolta presso l’azienda “SIRO – Sistemi Integrati di Riciclo Organico”, specializzata in nutrizione e protezione delle piante, la quale a partire dal 1990, utilizza gli scarti dei residui forestali, con predominanza di corteccia di pino marittimo, per produrre substrati e composti organici, dedicando inoltre anche una parte importante della sua attività alla trasformazione e valorizzazione del legno. Attraverso il suo centro di recupero dei rifiuti forestali e agricoli, l’azienda SIRO, promuove la loro valorizzazione organica attraverso il processo di compostaggio naturale per la produzione dei substrati. In questo modo, la stessa azienda, a partire dalla lavorazione fino al prodotto finale, risponde ai requisiti di tutela dell’ambiente e rispetto del consumatore.

Nello specifico l’azienda produce: 

 › Substrati Ecologici / Biologici;

› Corteccia di pino decorativo;

› Segheria e Trasformazione Legno;

› Gestione dei rifiuti organici;

› Concimi Minerali/Biologi;

› Pietre Ornamentali;

› Prodotti per Laghi.

 

 

Visita all'azienda “SIRO - Sistemi Integrati di Riciclo Organico” di Mira, specializzata in nutrizione e fitosanitaria, trasformazione e valorizzazione del legno con produzione di pellet, pallet e compost.

Visita all'azienda “SIRO - Sistemi Integrati di Riciclo Organico” di Mira, specializzata in nutrizione e fitosanitaria, trasformazione e valorizzazione del legno con produzione di pellet, pallet e compost.

 

A seguire, l’interessante visita alla “Tecplasnova”, un’azienda di riciclaggio della plastica che utilizza i rifiuti di prodotti in plastica di diverse altre aziende, per la produzione di nuovi prodotti. Si tratta di un’azienda con un’anzianità di circa 18 anni, con competenze tecniche rafforzate e un team di grande esperienza nella trasformazione di materiali come ABS, PS, PA, PLA, PC, PE, PP, ABS-PC, PMMA o PBT.  Lo slogan TAKE-MAKE-RECREATE descrive la filosofia dell’azienda di ricevere, realizzare e ricreare prodotti con una base sostenibile.

Visita all'azienda “Tecplasnova” di Mira, azienda di riciclaggio della plastica.

Visita all'azienda “Tecplasnova” di Mira, azienda di riciclaggio della plastica.

Visita all'azienda “Tecplasnova” di Mira, azienda di riciclaggio della plastica.

 

PENACOVA (Distretto di Coimbra) 

La terza tappa della prima giornata in Portogallo, è proseguita nel comune di Penacova, un piccolo borgo, appartenente anch’esso al distretto di Coimbra. Un vero e proprio viaggio tra passato e futuro, in cui la nostra delegazione ha avuto modo di ammirare presso “Lugar da Portela de Oliveira” , nel mezzo del perimetro forestale della Serra do Buçaco, le torri di produzione di energia eolica e i vecchi mulini a vento che condividono lo stesso spazio. A rendere tutto più interessante è stata la visita al Museu Do Moinho Vitorino Nemésio, all’interno del quale è stato possibile osservare l’evoluzione storica dei mulini, dalle macine manuali, ai mulini ad acqua e a quelli a vento.

Il Museu do Moinho Vitorino Nemésio è installato nella casa di vacanza dell’Ing. Arantes de Oliveira, Ministro dei Lavori Pubblici sotto il precedente regime, spazio acquisito negli anni ottanta dall’autarchia. Con l’obiettivo di preservare la storia dei mulini a vento e ad acqua e la memoria dei suoi mugnai, il comune di Penacova ha effettuato, per tutto il 2015, lavori di ristrutturazione e musealizzazione presso il Museu do Moinho Vitorino Nemésio. 

All’apertura al pubblico, tenutasi il 25 febbraio 2016, Humberto Oliveira, Presidente del Comune di Penacova ha sottolineato che questo progetto nasce nel senso di “recuperare un edificio di grande rilevanza storica e culturale per la contea, consolidando lo sforzo di recupero, dotandolo di aree idonee all’esposizione di tutti i beni ivi esistenti, nonché alla sua conservazione.” L’edificio appare, in questo modo, con un “volto lavato”, fornendo, a tutti coloro che lo visitano, un impatto estremamente positivo, poiché coniuga saldamente modernità e tradizione.

Visita al parco eolico e mulini a vento presso Penacova.

 

MEALHADA (Distretto di Aveiro)

Il tour prosegue con la visita a “Mata do Bussaco”: la foresta nazionale di Buçaco, un’area protetta situata nel comune di Mealhada, piantumata nel XVII secolo.

Classificato Monumento Nazionale, il complesso monumentale di Bussaco mobilita un patrimonio eccezionale. Al nucleo centrale formato dal Palace Hotel do Bussaco e dal Convento di Santa Cruz, si trovano le Cappelle dell’abitazione, le cappelle della devozione e la Scalinata che compongono la Via Sacra, il Recinto con le Porte, il Museo Militare e il monumento commemorativo della battaglia di Bussaco. Le croci, le fontane (soprattutto la Fonte Fria con la sua scala monumentale) e le cisterne, i belvedere (quello di Cruz Alta offre una vista privilegiata su tutta la regione tra Coimbra e la Serra do Caramulo) e le case forestali, compongono il vasto patrimonio edilizio della Mata Nacional do Bussaco. Con 105 ettari di superficie, possiede una delle migliori collezioni dendrologiche d’Europa, con circa 250 specie di alberi e arbusti, alcuni dei quali classificati come esemplari notevoli. È una delle foreste nazionali più ricche in termini di patrimonio naturale, architettonico e culturale e può essere suddivisa in tre unità paesaggistiche: Arboreto, Giardini, Vale dos Fetos e Floresta Relíquia.

La foresta nazionale di Bussaco offre cibo, riparo e rifugio a più di 150 specie di vertebrati, alcune di grande valore conservazionistico, come l’endemismo iberico e le specie protette. La biodiversità presente a Bussaco esprime l’unicità e il valore patrimoniale di questo spazio magico e, proprio per questo, è estremamente necessario assicurarne la conservazione.

 

La prima giornata della visita studio in Portogallo, termina con la visita e la cena/degustazione presso l’azienda vinicola Caves Messias” avente sede a Mealhada.

Fondata nel 1926 da Messias Baptista, l’azienda “Caves Messias”, produce e vende vini e spumanti di alta qualità delle principali regioni delimitate: Bairrada, Douro, Dão, Vinho Verde, Beiras e Vinho do Porto. Nella sua sede, l’azienda dispone di oltre 60.000 metri quadrati di piante e circa 160 ettari di vigneti, di cui 70 dedicati alla produzione dei famosi vini dell’azienda “La Quinta do Valdoeiro“. Grazie ad una produzione ben pianificata e strategie di marketing,  “Caves Messias” è uno dei pochi gruppi che produce e vende una gamma completa di vini e liquori delle migliori regioni portoghesi, e delle proprie tenute. I mercati di esportazione hanno riconosciuto all’azienda la qualità dei propri vini, i quali rappresentano il 65% delle vendite nei cinque continenti.

È importante sottolineare i valori sui quali è stata costituita l’azienda e che ancora la guidano:

  • Integrità – nel senso di azione sulla base dei più alti valori morali ed etici nel rapporto con clienti, dipendenti e fornitori, garantendo il rispetto delle migliori pratiche commerciali;
  • Trasparenza – intesa come la promozione di relazioni durature e affidabili con i clienti e fornitori;
  • Azione –  intesa come flessibilità e dinamismo in risposta alla continua evoluzione del mercato, incrementando il successo;
  • Responsabilità Sociale – le azioni dell’azienda sono implementate in modo responsabile, al fine di contribuire positivamente alla comunità in cui sono inseriti e alla società in generale;
  • Rispetto per l’ambiente nell’ottica di promuovere la sostenibilità e le condizioni di una vita sana e sicura.

 

Giorno 2_ 10.11.2021

 

CANTANHEDE (Distretto di Coimbra)

La prima tappa della seconda giornata del tour in Portogallo, è stata Cantanhede con la visita a “Fruti-Taipina, Lda”, azienda dedita al commercio di frutta e verdura, con una forte attenzione e rilevanza verso la produzione locale e regionale.

Nasce nel 1989 come Fruti-Taipina e fonda le sue radici nel centro del Portogallo, nella regione di Coimbra, e  vanta un’esperienza familiare di due generazioni e una tradizione ancora più antica nella frutticoltura. Con il know-how accumulato e con un team di 100 dipendenti, Fruti Taipina è sicuramente un’azienda moderna e all’avanguardia, che collabora con produttori nazionali selezionati, dal nord al sud del Portogallo. Con loro, attraverso importanti rapporti di fiducia consolidati negli anni, distribuiscono frutta e verdura fresca a clienti e partner di lunga data, in tutto il mondo, durante tutto l’anno.

L’azienda garantisce direttamente la qualità, la sicurezza e la freschezza della moltitudine di frutta e verdura fresca che vende e distribuisce quotidianamente. Questo attraverso il monitoraggio di tutte le fasi del ciclo produttivo, dal campo alla spedizione dei prodotti, garantendo inoltre una filiera produttiva sostenibile e un’ampia gamma di prodotti e soluzioni.

 

Il tour è proseguito con la visita all’azienda ortofrutticola “Valmarques”, la quale si occupa della produzione e vendita di prodotti agricoli, orticoli, ortofrutticoli e zootecnici e loro derivati, dal 1990. Produce inoltre energia elettrica da fonti rinnovabili eoliche, geotermiche, solari. Specializzata nella produzione delle fragole, l’azienda “Valmarques” segue il metodo di produzione secondo le Norme di Tutela Integrata, come supporto per garantire la qualità e la sicurezza alimentare dei suoi prodotti, poiché tale modalità di produzione, riduce l’uso dei prodotti fitosanitari, rispettando l’ambiente e contribuendo a  preservare la salute dei consumatori. I prodotti preoccupazioni che fanno parte della nostra attività. I prodotti sono certificati da Codimaco.

 

TENTUGAL – MONTEMOR-O-VELHO (Distretto di Coimbra)

La terza tappa della seconda giornata del viaggio studio, si è svolta a Tentúgal, Montemor-o-Velho, con la visita all’azienda “SIA Aperitivos Lda”,  la quale ha installato, nel 1971, la sua prima linea di produzione di patatine fritte e snack.

Le politiche ambientali dell’azienda hanno accompagnato il suo sviluppo. Più l’azienda cresce, maggiore è il suo impegno per la responsabilità ambientale, presente nelle piccole e grandi decisioni – dalla riduzione delle stampe cartacee e il riciclaggio dei rifiuti domestici, ai grandi investimenti nei processi di controllo dei consumi e recupero dei rifiuti industriali. In particolare durante la visita, si è sottolineato l’importanza di sviluppare un sistema di gestione con riutilizzo e riciclaggio dei rifiuti. 

L’azienda “SIA Aperitivos Lda” ha riadattato tutti i processi e metodologie in linea con gli standard della certificazione ambientale: la norma ISO 14001 è infatti il principale strumento di gestione dedicato alla tutela dell’ambiente e alla prevenzione dell’inquinamento derivante dalle attività industriali. Pertanto, l’azienda ha dotato le sue apparecchiature di strumenti per la misurazione e il controllo dei consumi, al fine di ridurre al minimo l’utilizzo di acqua ed energia nei processi. Al fine di ridurre al minimo la sua “impronta ecologica”, viene monitorato costantemente i livelli di emissioni gassose, in tutte le fasi, dalla fornitura, alla lavorazione e distribuzione del prodotto. Il motto aziendale è: nulla si perde, tutto si trasforma, pertanto riesce ad riutilizzare in maniera efficace i rifiuti, riutilizzando gli oli per la produzione di  biodiesel, riciclando la plastica per la conversione in mobili e il recupero dell’amido per l’applicazione nell’industria della carta. Infine, tutta l’acqua del processo industriale viene depurata in un modernissimo impianto di trattamento delle acque reflue (WWTP), che restituisce alla natura ciò che la natura ha donato.

Il tour è proseguito nella pasticceria “A Pousadinha”, situata a Tentúgal, Montemor-o-Velho, nella quale si ha avuto il piacere di assistere ad una dimostrazione del confezionamento del Pastel de Tentúgal, uno dei dolci tipici conventuali della regione e del Portogallo.

 

FIGUEIRA DA FOZ (Distretto di Coimbra)

Il viaggio studio in Portogallo, si è concluso con la visita ad un’altra realtà che offre una soluzione efficace al problema della gestione dei rifiuti, ma in questo caso relativi al settore delle costruzioni – opere pubbliche e private. L’azienda “𝐑𝐂𝐃 – 𝐑𝐞𝐬𝐢́𝐝𝐮𝐨𝐬 𝐝𝐞 𝐂𝐨𝐧𝐬𝐭𝐫𝐮𝐜̧𝐚̃𝐨 𝐞 𝐝𝐞 𝐃𝐞𝐦𝐨𝐥𝐢𝐜̧𝐚̃𝐨, 𝐒.𝐀”, situata nel comune di Figueira da Foz, attraverso una moderna e avanzata tecnologia, riesce a recuperare il 97% dei materiali da una casa demolita, per il loro successivo riutilizzo. In questo modo si tutelano e si conservano l’ambiente e le risorse naturali, in particolare attraverso la riduzione degli impatti ambientali legati all’abbandono dei rifiuti, all’emissione di gas serra e all’estrazione di materie prime. 

 

Ultimo aggiornamento

4 Maggio 2022, 18:01